Nazione: Stati Uniti
Anno: 2018
Durata: 97 min
Genere: Fantascienza

Regia: Federico D’Alessandro
Attori: Maika Monroe, Ed Skrein, Gary Oldman
Voto Filmantropo:

 

 

Julia (Maika Monroe ) viene imprigionata in una casa tecnologica progettata da uno scienziato. Per fuggire dovrà sconfiggere una sofisticata Intelligenza Artificiale, chiamata Tau

 

 

Prodotto da Netflix e diretto da Federico D’Alessandro (supervisore artistico per film dell’universo Marvel) Tau è un film che si interroga sulla conoscenza, mettendo in discussione una società basata principalmente sulla tecnologia. Cyberpunk e Hi-tech: c’è ancora chi ha voglia di domandare e conoscere la storia di come si è creato il mondo. Questo è il caso di Julia rapita per cercare di aiutare il piano ordito da uno scienziato pazzo (volto di Ed Skrein). La giovane si ribella, non accettando il ruolo che è costretta a relegare, cercando più volte la una fuga. A controllarla e a evitare che scappi dal luogo in cui è intrappolata, c’è Tau un’intelligenza artificiale che farà tutto il possibile per far allontanare la giovane donna. Tau da controllatore diventerà alleato di Julia, dopo essersi interrogato sulla creazione e sulla vita, provando a instaurare un rapporto di collaborazione proprio con la stessa, decisa a scappare dalla prigione in cui è stata intrappolata. D’Alessandro cerca di confezionare una film sulla fuga e sulla scoperta di un mondo, diversamente da quanto imposto dalla società e dagli ideali, non incentrato unicamente sulla tecnologia. La corsa della giovane ragazza, sembra più un tentativo di scappare da un mondo luccicoso, che la realizzazione di un thriller cyberpunk. Poco coinvolgente e poco adrenalinico; Tau non suscita particolari emozioni e non ha elementi tali, da poter essere ricordato dallo spettatore.

 


 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.