Nazione: Stati Uniti
Anno: 2018
Durata: 135 min
Genere: Azione, avventura, fantascienza
Regia: Ron Howard
Attori: Alden Ehrenreich, Woody Harrelson, Emilia Clarke
Voto Filmantropo:

 

Per le strade di Corellia dove il neonato Impero Galattico ed i sindacati del Crimine opprimono la popolazione, un giovane ladro sogna di fuggire dal pianeta con la sua amata Qi’ra e diventare un pilota, il suo nome è Han.

 

DISCLAIMER: La recensione che vi apprestate a leggere è opera di un fan di Star Wars, la forma di vita più incontentabile del creato, veloce all’ira come all’entusiasmo, un sith del mondo cinematografico; vive di assoluti e di attesa per il prossimo capitolo della saga, che dovrà essere necessariamente migliore del precedente.
La paura è la via per il lato Oscuro. La paura conduce all’ira, l’ira all’odio; l’odio conduce alla sofferenza. Lo sfruttamento commerciale di Star Wars porta al medesimo risultato; sul grande schermo arriva ciò di cui ogni fan della saga ha sempre sentito il bisogno, facendoglielo passare immediatamente: il film che ci racconta come Han sia diventato Han Solo, è un disastro.
Le note positive del film si contano nelle stelle della valutazione: l’incolpevole Alden Ehrenreich, davvero credibile nel ruolo del protagonista, fedele al personaggio senza scimmiottare Harrison Ford, insieme al resto del ristretto cast di attori è la prima stella che compone la valutazione del film, la seconda è dovuta al fatto che stiamo parlando di un film che ha immediatamente rivalutato La Minaccia Fantasma, qualunque cosa riporti in positivo Episodio I merita un grande atto di stima.
Gli aspetti negativi permeano un film che sin dalla sua genesi ha conosciuto momenti difficili, dal quale pare non essersi mai ripreso del tutto; la narrazione non coinvolge mai veramente, procede a tappe forzate verso la meta voluta dagli sceneggiatori, facendo scempio dei personaggi conosciuti e di quelli introdotti ex novo: Han non conosce crescita, il suo carattere non muta nel tempo, il ragazzino dell’inizio film e la leggenda vivente della trilogia sono lo stesso personaggio, se Anakin Skywalker pilotava meravigliosamente grazie alla sua percezione della forza, non ci è dato sapere come e perché il ragazzo di Corellia sia così straordinariamente dotato; Tobias Beckett non riesce in alcun modo a sembrare un padre per Han ed anche il colpo di scena più sorprendente con un inatteso ritorno appare come una somma porcata priva di senso logico; inoltre il Lando Carlissian / Dan Bilzerian ha un che di davvero irritante, completamente slegato dal personaggio conosciuto nell’episodio V.
Non pago di ciò, Solo riesce a demolire due momenti iconici di Star Wars come il primo incontro tra Han e Chewbie, e la rotta di Kessel in meno di 12 parsec, con forzature di trama completamente immotivate e slegate.
Il lato tecnico purtroppo offre ulteriori ragioni per arricciare il naso: compare una nuova, fiammante e sicuramente vendutissima negli store Millennium Falcon, coerente alla storia, animata con una qualità oltre l’osceno, pare una sogliola in movimento, la cabina di pilotaggio è spoglia e priva di dettagli, fatto salvo i dadi dorati; più in generale i colori delle scenografie sono sempre molto spenti, le nuove ambientazioni mancano di una caratterizzazione che le renda memorabili.
Uscendo dalla sala, la sensazione è quella di una buona idea e di alcuni spunti interessanti confluiti in un progetto nel quale non si è creduto veramente fino in fondo, sicuramente il cambio di regista in corsa ha rappresentato un grosso ostacolo, ma l’uscita anticipata a maggio rispetto alle classiche feste natalizie getta più di un’ombra sulle reali aspettative che la produzione nutriva nei confronti di Solo che, a fronte di un budget di 250 milioni di dollari, le infinite possibilità di script che le avventure di Han possono offrire e l’azzeccato (o quasi) cast, invece di uno scialbo lungometraggio avrebbe potuto vedere la luce come la serie tv dell’anno.
Un peccato, Han. Lo sappiamo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.