Nazione: Stati Uniti
Anno: 2018
Durata: 120 min

Genere: Thriller, drammatico, gangster
Regia: Martin Zandvliet
Attori: Jared Leto, Tadanobu Asano, Kippei Shîna, Shioli Kutsuna
Voto Filmantropo:


 

 

 

Nick Lowell (Jared Leto) è un soldato americano prigioniero in Giappone durante la Seconda guerra mondiale. Un giorno, riesce a fermare il tentativo di suicidio di un prigioniero e a causa di questo fatto viene messo in prigione. Si presenterà una persona dal nome Kiyoshi, che i suoi fratelli vorranno far evadere dalla cella. Una volta fuori, Nick otterrà la fiducia di Kiyoshi ma allo stesso tempo si attira l’invidia di Orochi, membro della famiglia geloso delle attenzioni riservate allo straniero americano.

 

 

Martin Zandvlietm, dirige superficialmente una pellicola molto piatta nel suo complesso e priva di colpi di scena per tutta la sua durata. Il racconto sulla malavita organizzata nipponica, non riesce mai a brillare in una sceneggiatura che presenta anche fin troppe sbavature. Distribuito da Netflix, il lungometraggio decide di cambiare le regole affidando il ruolo da protagonista di una storia sulla Yakuza a un occidentale interpretato da Jared Leto, che in molti tratti della narrazione risulta essere anche il vero tallone d’Achille dell’intera realizzazione. Fanno parte del non perfetto insieme, anche fotografie e sequenze di difficile comprensione, che vanno dai lottatori di sumo alla visione tatuaggi orientali, passando alla crudeltà di scene di regolazione conti. 

The Outsider complessivamente privo di qualsiasi originalità, per un prodotto che nel complesso poteva anche essere evitato 

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.