Nazione: Stati Uniti
Anno:  2017
Durata: 163 min
Regia: Dennis Villeneuve
Attori: Ryan Gosling, Harrison Ford, Ana de Armas, Sylvia Hoeks, Jared Leto, Robin Wright, Dave Bautista, 
Voto:

 

 

2049, La Wallace Industries ha sostituito la Tyrell Corporation nella produzione di replicanti di ultima generazione, I quali ormai integrati nella società anche grazie alle colture sintetiche, sono diventati fondamentali e necessari per la razza umana. L’agente K (Ryan Gosling) è un replicante di ultima generazione che ha il compito di dare la caccia ai vecchi replicanti ribelli, chiamati Nexus 8. K verrà a conoscenza di un pericoloso segreto, che lo spingerà addirittura alla ricerca di Rick Deckard (Harrison Ford): un ex Blade Runner.

Nel 1982, con la sua uscita nelle sale, Blade Runner stravolse di fatto l’immaginario comune dando vita alla nascita e alla realizzazione di un vero e proprio capolavoro di fantascienza. La pellicola narrava le vicende e i contenuti presenti all’interno del omonimo romanzo di Phlilip Dick e, Ridley Scott ne firmava la regia. La storia, ambientata nella Los Angeles distopica del 2019, racconta le vicende del cacciatore di taglie Rick Deckard (interpretato da Harrison Ford e ritrovato anche nel sequel) agente dell’unità speciale Blade Runner, che vieniva forzatamente richiamato in servizio per uccidere quattro replicanti. Le ambientazioni, i costumi e gli effetti speciali, sono diventati un vero e proprio must e un punto di riferimento per i cinefili e per tutti gli amanti del genere fantascientifico e l’idea di realizzare un sequel, spaventava e non poco la critica e i fan, per paura di incappare nella riuscita di un prodotto non gradito, che sarebbe andato a influenzare e a intaccare la pellicola originale. Con Scott alla produzione, il progetto Blade Runner 2049 venne realizzato, decidendo di affidare la regia a Denis Villeneuve, forte del successo di critica e pubblico con Arrival e alla fine il sequel realizzato, può essere considerato riuscito e nel complesso mantiene tutti i tratti cupi, metropolitani e noir visti nel capitolo precedente, cercando di creare allo stesso tempo, sia un progetto moderno, che contemporaneo. Blade Runner 2049 è un ottimo film, una esperienza visiva importante e Denis Villeneuve non può che uscirne vincente dalla battaglia e dalla prova svolta. Buona la prova di K interpretato da Ryan Gosling, ma forse si attendeva un maggiore azzardo da parte di Harrison Ford e di Jared Leto, offuscato nel contesto dalla presenza femminile di Sylvia Hoeks. Proprio la presenza femminile, è forse l’arma vincente del film, dominata da Ana De Armas nei panni di Joi e dalla carismatica e decisa Robin Wright. A tutti gli effetti, siamo di fronte a una pellicola che può essere considerata un gran film fotografico (magistrale il lavoro svolto da Roger Deakins e da Dennis Gassner per le scenografie) ma nonostante questo, non regge il paragone con il primo capitolo delle serie. Peccato per le poca dinamicità in alcuni tratti della narrazione, che avrebbero fatto alzare l’asticella un gradino più in alto, ma nonostante tutto, si intravedono ottime prospettive di conquistarsi un posto nell’immaginario di una nuova generazione di appassionati cinefili, per le tematiche riguardanti le riflessioni e le origini dell’uomo. Non positivo l’esordio al Box Office americano, ma il materiale per lavorare sul futuro della serie è davvero tanto e ben assortito.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.