Nazione: Stati Uniti, Italia, Francia
Anno: 2017
Durata: 132 min

Genere: Sentimentale, drammatico
Regia: Luca Guadagnino
Attori: Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar
Voto Filmantropo:


 

 

 

 

Estate 1983. Elio (Timothée Chalamet), diciassettenne americano con la passione per la musica, sta trascorrendo le sue vacanze nella dimora di famiglia della campagna lombarda, insieme ai propri genitori. L’arrivo di Oliver (Armie Hammer), studente ventiquattrenne, darà il via a una amicizia che porterà i due ragazzi a innamorarsi rispettivamente l’uno dell’altro.

 

 

Luca Guadagnino racconta di una storia d’amore omosessuale, senza mai focalizzarsi troppo sulle soggezioni e sulle ripercussioni sociali che possano influire in maniera determinata sulla narrazione, ma concentrandosi solo sui momenti vissuti nella mente di Elio con il giovane diciassettenne Oliver capace di cambiargli e stravolgergli totalmente la vita. Chiamami col tuo nome risulta ben girato e Il regista si diverte nel lavorare in maniera decorosa, nell’utilizzare perfettamente tutti mezzi a sua disposizione, tali da creare un risultato gradevole alla vista dello spettatore. Il regista palermitano lavora esteticamente creando un’opera che rientra perfettamente in quella categoria di film, che possono essere definiti “i romantici già visti” e conosciuti da parte del pubblico; ma i componenti che vengono messi in pista sono assai diversi, creando una vera coesione fra fotografia, regia e una sceneggiatura potente al punto da diventare una realizzazione completa dal punto di vista estetico. Si gioca assiduamente per tutto il racconto sui sentimenti, chiamando più volte in causa una natura nuova e mai banale, che non tralascia mai una la sessualità fatta di carezze e abbracci che possono permettersi di non aver mai paura o provare disagio, davanti a niente o nessuno. Nella suo insieme di temi espressi, Guadagnino riesce a far evolvere quello che viene definito il classico film sentimentale facendoci vedere e assaggiare qualcosa, che tocca i confini e gli estremi della sua personale idea di cosa sia la bellezza e la purezza.

 

 


 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.